Terra! Terra!

Feroce la tempesta! Non lasciava tregua. Aggrapparsi era l’unica cosa da fare, là fuori, sul ponte di comando. Un tumulto di onde scuoteva la nave nelle acque gelide e profonde di quel mare, a noi sconosciuto. Era Dio che ci ammoniva per il nostro ardire? Le mani strette al timone, quasi a farle sanguinare. Un fulmine si scagliò sull’albero di mezzano, quando all’improvviso si udì: “Terra! Terra!” A quel grido seguì la quiete!

(Mare in Tempesta, racconto breve di Mirtis Conci)

A chi affidiamo le parole di questo racconto di viaggio?

All’anima di Ulisse che visse in Cristoforo Colombo, Ferdinando Magellano, Amerigo Vespucci, e tanti altri esploratori che vollero andare oltre?

Agli esploratori per necessità delle Americhe di inizio Novecento, i nostri emigrati italiani, europei?

Agli esploratori per contingenza di guerra, di povertà, di oblio, quelli che chiamiamo profughi?

22 Aprile, Giornata Mondiale della Terra

Istituita 46 anni fa per volere del senatore statunitense Gaylord Nelson, è l’evento ambientale del pianeta.

Un giorno per manifestare rispetto e cura verso la casa che ogni giorno abitiamo.

Un giorno in cui le nostre città, i nostri paesi si popolano di iniziative buone!

E poi?

Echeggia ancora, fra le acque che si infrangono sulle coste, il grido, oggi disperato, “Terra! Terra!”, riflesso delle nostre mancanze, della nostra superficialità.

Oggi però osiamo! Andiamo in profondità, a riappropriarci della Terra che abbiamo dimenticato.

Un invito a fare della Terra un viaggio. Un buon viaggio!

Il mio, l’ho cominciato da poco, appena 36 anni fa. In punta di piedi vi sussurro che ho appena scoperto che la Terra su cui sto viaggiando è tonda.

All’inizio mi sembrava di essere sola, ora ho poco meno di 7 miliardi e mezzo di compagni di viaggio…..alcuni di loro non possono entrare, ad altri scade il permesso…..che voi sappiate, bisogna chiederlo? Non vorrei un giorno trovarmi nella spiacevole situazione di dover giustificare perché mi trovo sulla Terra! Non conosco altro posto dove andare!

terra_terraInterpretazione di Lea Vittoria del racconto breve “Mare in tempesta”

Lascia un commento!